Viaggio da sogno in India

Curiosi di scoprire nuovi paesi e diverse realtà, per i nostri viaggi importanti, ci affidiamo a Tania e Sara. Nel corso degli anni hanno sempre saputo consigliarci al meglio, rassicurandoci su eventuali nostre perplessità o dubbi.

Tra i diversi viaggi, quello in India del Nord è stato sicuramente indimenticabile per la ricchezza di storia, paesaggi e culture in cui ci siamo potuti immergere.

Sbarcati dall’aereo in piena notte a Delhi, trafficata ed immersa nello smog, un autista ci ha accompagnati in albergo, dove siamo stati accolti con corone di fiori e red-bindi, cerimonia consueta ad agni cambio di hotel. Dopo un breve riposo, il viaggio alla scoperta del Rajasthan ha avuto inizio.

Si partiva sempre al mattino presto e si viaggiava per lo più in pulmino, per raggiungere le diverse mete del nostro tour. Con noi c’era sempre un accompagnatore indiano, molto disponibile e con buona conoscenza dell’italiano. In ogni luogo, poi, siamo stati affiancati da guide locali che ci fornivano informazioni più dettagliate sul sito visitato.

L’itinerario ci ha portati fino al Grande Deserto Indiano, ai confini con il Pakistan, passando per Bikaner e Jaisalmer: città d’oro ai confini del deserto, con la famosa fortezza e gli edifici costruiti in arenaria gialla.

Abbiamo poi proseguito in direzione sud per raggiungere Jodhpur (città blu) e Udaipur (la città bianca sul Lago Pichola).

In seguito, abbiamo viaggiato verso l’interno per raggiungere Jaipur, la città rosa con il famoso Palazzo dei Venti. E Agra, dove abbiamo potuto ammirare il mausoleo Taj Mahal, una delle sette meraviglie del mondo.

Ultima tappa è stata l’imperdibile Varanasi, città che esalta la religiosità che si respira in tutta l’India, raggiunta con un volo interno.

Capitale spirituale di tutti gli Induisti, l’antica Benares si adagia sulla riva del Gange, grande fiume sacro dove le persone spargono le ceneri dei loro defunti, affinché essi ritornino nel grande circuito di anime, presso il dio Visnù.

Coinvolgenti sono i riti che si svolgono sul Gange e in riva ad esso. Cerimonie funebri, immersioni purificatrici, i saluti alla dea Ganga all’alba e, soprattutto, al tramonto, con canti mantra e offerte di lumini e fiori, depositati sull’acqua dai numerosissimi pellegrini e turisti che affollano il fiume con le barche.

I tragitti sono stati fatti per lo più in pulmino. Erano sì lunghi, ma permettevano comunque di vedere ed entrare in contatto con le diverse realtà del paese, fuori dalle grandi città.

Ci siamo fermati spesso a visitare piccoli centri, fortezze e templi minori, ma non meno belli dei più famosi. Abbiamo percorso strade larghe e trafficate da carretti, moto, biciclette, cammelli, camion carichi di merci all’inverosimile, gruppi di jainisti… Strade che si snodavano in mezzo al deserto o che attraversavano paesi affollati, dove si poteva notare la modernizzazione in atto: case dimezzate per far spazio a nuove superstrade in costruzione.

Oltre al piacere di poter ammirare dal vero le bellezze profusamente documentate dai media, ci è piaciuto entrare in contatto con usi, costumi, colori, sonorità, profumi e odori, a volte non proprio gradevoli, del Paese.

È stato bello vagabondare tra vicoli e bancarelle dei mercati, animati da moltitudini di bambini e uomini, donne con vestiti coloratissimi, santoni, musicisti e animali (cinghiali, scimmie, capre e le immancabili vacche).

Ci è piaciuto mangiare nei ristoranti locali, consumare street-food, visitare laboratori artigianali per conoscere meglio le lavorazioni di lana (tessuti di cashmere e tappeti), seta (sciarpe e stoffe) e pietre preziose (gioielli). 

Una delle esperienze più particolari ed indimenticabili, è stata quella di percorrere i centri città con ciclorisciò ed i famosi tuk-tuk. A dir poco spettacolare è l’abilità dei conducenti nel destreggiarsi, senza incidenti, nel traffico alienante (per i suoni assordanti) e caotico (per la quantità dei mezzi in movimento).

Attraversare le strade cittadine è una vera e propria impresa! O si invecchia a bordo strada o… Ci si butta! 

È stato un viaggio impegnativo, dai grandi contrasti, desiderato da tempo, che ci ha fatto sognare e che, indubbiamente, rimarrà nel nostro cuore per sempre.

Ancora un grazie a Tania e Sara che ci hanno “accompagnati” in questo viaggio, con professionalità e simpatia, pianificandolo in ogni mimino dettaglio, affinché tutto andasse per il meglio.

Luisa e Italo

Sara e Tania Agenzia viaggi dolo

RAGGIUNGICI ORA!

Sara e Tania ti aspettano in Agenzia per fare due Chiacchiere Insieme